Ricerca nel sito
  
  Ricerca avanzata


 
   
Prodotti
Speed Spray System!

Se stai cercando un sistema per la verniciatura a spruzzo che ti permetta di risparmiare vernice, tempo di lavaggio e che sia costruito con la massima robustezza e precisione, le pompe della gamma Speed Spray System fanno al caso tuo!

...i vantaggi!

Le normali pompe per verniciatura hanno necessità di grandi quantità di prodotto per funzionare, sono difficili da pulire bene e 
fanno sprecare vernice e solvente... 

Il nostro sistema Speed Spray System funziona anche con un mezzo bicchiere di vernice, ha un sistema di pulizia automatica in pochi secondi, non ha noie meccaniche, minimizza le quantità di prodotto e elimina ogni spreco, riducendo al massimo la fumosità.
 
Massima riduzione dell'over spray (fumosità di verniciatura).

Ideale per frequenti cambi colore e per le piccole/medie quantità nei settori legno, ferro e verniciatura in genere.


L'essere una piccola azienda ci consente di adattare il prodotto all'esigenza del singolo cliente, in quanto i nostri prodotti non vengono costruiti in serie.
Abbiamo inoltre ridotti costi fissi che ci consentono di offrire le pompe Speed Spray System a prezzi contenuti.

Se vuoi un consiglio sulla soluzione più adatta alle tue esigenze in modo immediato, chiaro e diretto contattami:
cell.
335 5439380 Antonio Zanotti

Chiama tranquillamente, troveremo soluzioni semplici e non costose.

Se preferisci mandami un mail per chiedere un preventivo gratuito:
antonio_zanotti@libero.it

Oppure
REGISTRATI!
Verrai ricontattato senza alcun impegno da parte tua entro pochi giorni!!!


4 litri

8 litri

nella foto vediamo la versione con riscaldatore OPTIONAL

La modularità del ns. progetto ci consente di fornire ai ns. Clienti ogni possibile soluzione con 2 o più serbatoi,con varie dimensioni, con 1 o  più pistole,con o senza lavaggio interno, con o senza riscaldatore, agitatore ecc....INSOMMA LA SOLUZIONE SEMPLICE, GIUSTA ED ECONOMICA PER LA VERNICIATURA E SPRUZZATURA DI VARI PRODOTTI!


mod.4 lt 6 serbatoi con scelta pneumatica

...la qualità e personalizzazione!

La Speed Spray System è costruita in acciaio inox con sistema ISO 9001 e alluminio lavorato dal pieno a CNC per garantire la massima robustezza. Massimo sfruttamento del serbatoio con uscita del prodotto nella conicità inferiore.

Capacità serbatoio: lt.4 -8-1 -25 +lt.4 lavaggio.

Il riscaldatore (optinal) permette di fluidificare il prodotto verniciante e si usa in particolare per vernici all'acqua, prodotti densi e quando si vuole una essicazione più veloce, maggiore copertura e brilantezza.

Tecnicamente la Speed Spray System è una pompa a bassa pressione studiata appositamente per verniciare, che non usa membrane, scambiatori o altre parti soggette ad usura, inceppamenti o rottura! Permette una ottima finitura sia con vernici al solvente che all'acqua; naturalmente viene fornita diversamente tarata per l'applicazione su legno, ferro, vetro, plastica ecc.

Ogni pompa Seed Spray Sistem  viene fornita 'su misura' del Cliente!

In pistola abbiamo una regolazione completa della quantità del prodotto che si va ad applicare, dell'aria di nebulizzazione e del ventaglio!!


...optional!

Il riscaldatore (optional - IMMAGINE SX) consente di migliorare la resa e l'applicazione in particolare per le vernici all'acqua e prodotti densi; di semplice uso e grande affidabilità.

Agitatore pneumatico (optional - IMMAGINE DX) applicabile ai modelli 4 lt,8 lt, 12 lt, Big 24 lt.

CONTATTACI:
antonio_zanotti@libero.it

tel. 335 5439380 -0542690944

OPPURE
REGISTRATI!!! (TI RICONTATTEREMO A BREVE!)


Mod.1C new

...altri modelli!

Il modello low cost della serie Speed Spray System..capacità tazza
c.a.4lt, capacità si spruzzare anche prodotti densi, semplice affidabile economica.


cerca sempre le due goccie..
Mod.Simpli per idrosolubili

Mod. Simpli, la soluzione ECONOMICA PER I PRODOTTI DENSI AL'ACQUA...facile da usare (si introduce la vernice, si dà aria e vai..), facile da pulire , robustissimo (lavora con la pressione interna dell'aria , quello che non c'è non si può rompere).
LA SOLUZIONE IDEALE !!!


video Speed Spray System
Da un ns. Cliente che realizza arredo di altro pregio abbiamo realizzato un video
del funzionamento della ns. Speed Spray System 8 lt con lavaggio interno
http://www.youtube.com/watch?v=UoYKtxVXTSQ
CONTATTACI: antonio_zanotti@libero.it

tel. 335 5439380 -0542690944

OPPURE
REGISTRATI!!! (TI RICONTATTEREMO A BREVE!)



SSS Big 24 litri

SSS BIG 24 litri, il maggiore della serie, particolarmente adatto a chi non fa frequenti cambi colore e usa grandi quantità di prodotto.
In inox, con optionals riscaldatore e agitatore, adatto anche alla alimentazione di varie pistole in automatico.


...alcune domande...

E’una pompa o una normale pistola?

Non è ne l’uno né l’altro, ma un sistema di spruzzo (a bassa pressione) che non usa pistone, membrane o valvole: funziona con la spinta /pressione interna dell’aria nel serbatoio.

Con quali prodotti si usa?

Sia con i normali prodotti al solvente che con prodotti idrosolubili, anche molto densi, in quanto realizzata in acciaio inox, anche nelle parti interne della pistola (ago e ugello). Speed Spray System colla permette l’applicazione di colle con sistema a pressione di aria (max. 7 atm.) tramite tubazioni e pistola apposita;e'previsto il  lavaggio rapido e automatico del tubo( basta ruotare di 90° l’apposita leva).


lavaggio tazza (particolare dall'alto)
SSS versione elettrica

...Speed Spray System+compressore = vernici dove vuoi!

Speed Spray System 4 lt in abbinamento a compressore cv 2,5
compatto, potente e silenzioso, facilmente trasportabile anche nel baule di una auto.
Per lavori fuori sede.

ma il bassotto cosa c'entra??

pistola elettrostatica

Pistola elettrostatica a bassa pressione con ugello 'round spray'.
La vernice viene caricata elettrostaticamente e ne deriva un effetto di attrazione ed avvolgimento del pezzo da verniciare, specie con strutture di tipo tondo o tubolare.La dispersione di prodotto è veramente minima con rese di tempo e consumo soprendenti.
Nelle versioni per vernici al solvente o idrosolubili.Certificata CE ed ATEX antiscoppio.




Pompa bicomponenti rapporto 1:1

Pompa a doppia membrana per prodotti bicomponenti con rapporto 1:1, con doppio pescante dal fusto(o doppio  serbatoio a caduta) e doppio filtro; i due componenti si miscelano esternamente alla pompa in un gruppo apposito; il lavaggio può essere limitato al miscelatore, tubo e pistola ( prodotto già miscelato) oppure può comprendere  tutta la macchina.
Tutto nella massima semplicità e afidabilità, come nostra tradizione...


Cambio Colore

LE VERNICI  Prima di parlare delle vernici dobbiamo capire che esse non servono solo per rendere esteticamente bello un supporto ma per proteggerlo dalla corrosione La quale è la responsabile della degradazione degli acciai ,ed è delle vernici per la protezione degli acciai che mi soffermerò a parlare. Le vernici sono fondamentalmente costituite da particelle solide disperse in un liquido. Quest'ultimo, quando mescolato viene applicato sulla superficie,si essicca e lega le particelle in un film coerente. Dopo questa definizione dobbiamo aggiungere che la formulazione delle sofisticate pitture oggi impiegate nella protezione anticorrosiva dell'acciaio è molto complessa; le esatte proporzioni, le caratteristiche dei singoli componenti, le modalità di preparazione debbono venir studiate e scrupolosamente rispettate, poiché ogni variazione , sia pur minima può compromettere la qualità della pittura. Ma vediamo quali sono i costituenti di una pittura e quali funzioni vengono loro assegnate. I principali sono i seguenti: LEGANTI PIGMENTI EXTENDER SOLVENTI ADDITIVI VARI I LEGANTI E' la parte liquida che ha il compito di 'legare ',essiccandosi,le particelle solide. Per secoli sono stati utilizzati, come leganti, degli oli naturali, come olio di lino,che per altro avevano alcuni svantaggi. Da oltre cinquanta anni, con lo sviluppo della chimica dei polimeri , sono stati realizzati leganti sintetici ed in pratica , attualmente, in tutte le pitture vengono usati, almeno in parte , materiali sintetici. E' stata questa innovazione che ha dato l'avvio ad una importante evoluzione del settore della protezione anticorrosiva ed al conseguente progresso della tecnologia di produzione delle pitture. I leganti sintetici sono resine, quali ad esempio, le alchidiche (quelle comunemente vendute nelle ferramenta) ,le epossidiche,le uretaniche,aventi proprietà fra loro diverse. Sono nella maggior parte dei casi, il costituente più importante di una pittura, contribuendo in misura determinante a fornirle le qualità meccaniche e fisiche richieste. Il loro indurimento, dopo l'applicazione avviene secondo meccanismi diversi che vedremo.

 

I PIGMENTI Sono i costituenti più importanti della parte solida di una pittura. Oltre a fornire la corretta consistenza , conferiscono opacità e colore al film secco ma possono anche contribuire anche a proprietà come la durezza,la resistenza alla abrasione, la impermeabilità, la protezione ai raggi UV. GLI EXTENDER Sono gli altri componenti solidi di una pittura, costituiti da sostanze di diversa natura chimica, granulometria e forma , che accuratamente scelte e miscelate , possono variare la consistenza di una pittura a scopi applicativi, per rinforzare il films meccanicamente che chimicamente, per aumentarne la durezza, la flessibilità,la resistenza all'abrasione. Vengono anche chiamati 'cariche', in alcuni casi se ne fa abuso di queste sostanze tali da aumentare semplicemente il volume per poterle vendere abbassando i costi di produzione , io le chiamo la stricnina delle vernici , ma questo si verifica in rari casi per fortuna.

I SOLVENTI Sono composti organici volatili usati per conferire alle pitture le idonee caratteristiche di viscosità sia nel periodo di stoccaggio,sia in fase di applicazione , sia in fine per regolare i tempi di formazione del film in fase di essiccazione. Essi non vanno a far parte del film una volta essiccato. Per scelta del solvente che in una determinata pittura svolga compiti sopra detti e riduca la formazione di depositi di pigmento nel fondo del contenitore durante l'applicazione deve essere ricercato il giusto equilibrio fra viscosità e volatilità e, per tale motivo, spesso il solvente è una studiata miscela di più prodotti,miscela valida per l'impiego in condizioni ambientali temperate. Essa potrebbe anche richiedere modifiche, ad esempio , per l'utilizzo della pittura in climi torridi o polari. Il contenuto di solvente nelle pitture varia entro una vasta gamma ed alcuni prodotti sono anche del tutto privi di solvente . Le schede tecniche indicano la possibilità di aggiungere solvente al momento dell'impiego segnalandovi il tipo e le percentuali. Non è infrequente il caso di problemi applicativi o risultati non soddisfacenti della verniciatura derivati da una non corretta diluizione. Infatti la velocità di evaporazione del solvente dal film di pittura in fase di indurimento può influenzare le caratteristiche finali della verniciatura. In genere questa velocità è alta nella prima fase della essiccazione, ma diminuisce in una seconda fase per la proprietà del solvente di disperdersi fra le molecole del legante. Una lenta evaporazione può causare l'intrappolamento del solvente nel film. Una rapida evaporazione può causare altri difetti . è pertanto buona norma impiegare la minima quantità di solvente che consente una soddisfacente applicazione e la realizzazione dello spessore prescritto. Le classi di solventi usualmente più impiegate sono: Idrocarburi aromatici e alinfatici, alcoli,chetoni, esteri, esteri-glicoli. ADDITIVI VARI Sono composti di varia natura che spesso vengono aggiunti alla pittura per vari scopi, ad esempio come plastificanti o per regolare i tempi di essiccazione del film , o per prevenire la formazione di pellicole sulla superficie del prodotto nel contenitore , oppure come agenti tixotropanti per limitare la tendenza alle colature.

Lo scopo di una corretta applicazione delle pitture protettive è funzionale ed estetico allo stesso tempo e, per molti aspetti, si può affermare che una applicazione esteticamente soddisfacente dà certamente risultati protettivi migliori di una che presenta visibili difetti estetici. Per esempio, una pittura applicata in modo uniforme assicura una migliore protezione, a parità di altri parametri, di quella che presenta grinzature, goccioiature, evidenti tracce di pennello, ecc. La vita di una pitturazione dipende in misura determinante dalla corretta applicazione che pertanto deve essere opportunamente controllata per consentire alla protezione di conseguire la sua completa efficienza. La scelta dei sistema di applicazione ottimale viene effettuata di volta in volta in base a considerazioni di tipo economico e tecnico: economico, nel valutare la resa di lavoro che si prevede di ottenere con i diversi sistemi; tecnico, nel tener conto di vari parametri, come le caratteristiche dei prodotto, la forma e le dimensioni delle superfici da trattare, le condizioni ambientali, il grado di preparazione della superficie. Nonostante l'avvento ed il continuo miglioramento di metodi di più alta resa come l'applicazione a spruzzo con e senza aria, il tradizionale metodo di applicazione a pennello ed il rullo non sono stati abbandonati. Sarebbe tuttavia errato credere che per questi vecchi e noti sistemi non occorrano operatori ben addestrati. Vedremo. comunque che, come in taluni casi non esistono alternative al sistema di applicazione a spruzzo senza aria, in altri è il pennello che non è sostituibile. Sempre nell'intento di facilitare il conseguimento delle migliori prestazioni dai prodotti, desideriamo enumerare ed esaminare i metodi di applicazione che vengono generalmente utilizzati nella verniciatura delle strutture d'acciaio senza peraltro voler troppo addentrarmi in questo campo, e comunque non oltre quanto sufficiente tener presente per una corretta scelta fra le alternative che generalmente offrono le schede tecniche dei prodotti.

I METODI DI APPLICAZIONE Ho già nominato i quattro più comuni metodi di applicazione e, completando l'elenco,abbiamo:

a) pennello

b) rullo

c) spruzzo con aria. usualmente chiamato “convenzionale”

d) spruzzo senz'aria, noto come “airless”

 e) spruzzo con preriscaldamento del prodotto verniciante

f) spruzzo airless per bicomponenti con miscelazione alla pistola

 Esistono anche altri metodi. utilizzati in casi particolari, per i quali, generalmente, è necessario mettere a punto i prodotti specificatamente, caso per caso:

g) per immersione

h) elettrostatico

 APPLICAZIONE A PENNELLO L'applicazione a pennello è il più antico sistema di verniciatura. Ancora oggi è ampiamente usato nel campo dell'anticorrosione; trova impiego in lavori di carattere artigianale ed in genere per pitturare superfici discontinue (es: cancellate, balconi, tralicci ecc.) o inaccessibili con altri sistemi applicativi. Superato nella verniciatura dei nuovo dalle moderne tecnologie, trova tuttora un vasto impiego nei lavori di manutenzione, particolarmente per ritocchi e per la profilatura degli spigoli e dei cordoni di saldatura (stripe coat). Presenta il vantaggio di consentire uno spreco di prodotto trascurabile, presenta però il grosso svantaggio di una bassa resa operativa (anche dieci volte inferiore a quella di una applicazione a spruzzo). L'applicazione va fatta in modo da ottenere un film il più uniforme possibile; va quindi adottata una certa tecnica che consiste nell'incrociare più volte le passate. Ad eccezione degli zincanti inorganici e di alcuni primers a rapida essiccazione, tutti i prodotti dell'anticorrosione sono applicabili a pennello. Applicazione a rullo E’ un metodo usato per grandi superfici piane ove è possibile raggiungere rese di applicazione tre o quattro volte superiori a quelle ottenibili con il pennello. Non offre i vantaggi dei metodo a pennello per l'applicazione dei primo strato su superfici non ben preparate e richiede spesso l'impiego complementare del pennello per le zone non ben raggiungibili dal rullo. Nato per l'applicazione di idropitture, il rullo è ancora molto diffuso nel settore dell'edilizia ed in quello navale. Non è idoneo per l'applicazione di zincanti inorganici. E’ poco consigliato per l'applicazione di prodotti al clorocaucciù e di molti prodotti ad alto spessore. L'esperienza insegna a scegliere il materiale di copertura dei rullo e la lunghezza dei pelo in base al tipo di pittura.

 APPLICAZIONE A SPRUZZO CONVENZIONALE In questo metodo di applicazione l'aria compressa ha il compito di atomizzare la pittura e di portarla sulla superficie da verniciare. L'alimentazione alla pistola può avvenire con più sistemi: Spruzzo convenzionale a tazza: Per gravità o per aspirazione come nel caso delle pistole che sono alimentate rispettivamente da un recipiente aperto sito sopra la pistola o da un recipiente chiuso posto sotto. Hanno un impiego limitato in genere a piccole superfici e sono utili per la facilità di pulizia e di successivi riempimenti dell'apparecchiatura e perciò adatte a lavori di rifinitura con prodotti di tinte diverse. Spruzzo con serbatoio sotto pressione: Per l'aria compressa che da un contenitore a pressione manda il prodotto verniciante all'ugello per mezzo di un tubo flessibile. E’ il sistema più comunemente impiegato per superfici estese. Nel metodo a spruzzo convenzionale l'aria compressa, che perviene alla pistola per mezzo di un tubo diverso da quello che porta il prodotto, esce attraverso l'ugello intimamente miscelata con la pittura. Per poter imprimere a questa l'alta velocità necessaria alla sua atomizzazione è richiesto un volume d'aria molto elevato. Ciò comporta, tra l'altro, maggiori probabilità che si verifichi overspray, specialmente con alcuni tipi di pitture, quando la regolazione della pistola o la distanza fra l'ugello e la superficie non sono dei tutto corrette. Quando le strutture da trattare sono di forma complessa, si può avere un consumo di pittura sensibilmente superiore al teorico.

APPLICAZIONE A SPRUZZO “AIRLESS” Nell'applicazione airless la pittura viene pompata attraverso uno stretto ugello così da raggiungere la velocità sufficiente alla atomizzazione, senza miscelazione con aria. L'assenza di aria compressa consente che non vi sia dispersione di particelle in forma di nebbia e che la maggior parte della pittura vada a depositarsi sulla superficie senza sprechi di prodotto. Ciò comporta una rapidità di applicazione molto superiore che non nell'applicazione a spruzzo convenzionale ed una minore perdita di prodotto per overspray. La pistola è collegata, per mezzo di un tubo idoneo a sopportare l'alta pressione dei prodotto, ad una pompa azionata con aria compressa (ne esistono anche azionate elettricamente o da motori a scoppio) che portano il prodotto ad una pressione da 20 fino a 70 volte quella dell'aria che aziona la pompa e che è, normalmente, eguale a quella utilizzata dalle apparecchiatura convenzionali. Ciò vuoi dire che la pressione della pompa airless si può aggirare fra 125 e 350 Kg/cm quadro, secondo il rapporto di compressione proprio della pompa. L'applicazione airless ha numerosi vantaggi rispetto alla applicazione convenzionale: una superiore portata e quindi una maggiore rapidità di lavoro, maggiore pulizia per assenza di nebbia, nessun rischio di contaminazione della pittura con umidità od olio, spesso presenti nell'aria compressa, maggior facilità di messa a punto della pistola e di applicazione, possibilità di applicare spessori superiori. e soprattutto possibilità di applicare pitture ad elevato residuo secco o addirittura senza solvente. Per contro l'alta pressione in gioco comporta la necessità di setacciare o vagliare accuratamente la pittura ad evitare l'ostruzione degli ugelli, mentre la pulizia dell'apparecchiatura può risultare pericolosa se non vengono osservate idonee precauzioni. Infine l'applicazione con airless non può dare finiture estetiche perfette come lo spruzzo convenzionale in quanto non è possibile regolare il ventaglio che è tutto aperto o tutto chiuso, ed inoltre i suoi bordi non sono sfumati ma netti.

Ricerche correlate a verniciatura

verniciatura legno

verniciatura wikipedia

verniciatura a polvere

verniciatura auto

verniciatura a spruzzo

verniciatura moto

verniciatura elettrostatica

vernice

Bricolage:
La verniciatura di una porta, una finestra o di qualsiasi altro manufatto in legno è operazione semplice e divertente. Assai più noiosa, ma assolutamente necessaria, è la preparazione della superficie prima della verniciatura.


Se il legno che vogliamo verniciare è nuovo e quindi non è mai stato trattato, è sufficiente passare con della carta vetrata su tutta la superficie avendo l'accortezza di seguire sempre le venature. Se presentasse delle colature di resina, dovranno essere rimosse utilizzando uno straccio imbevuto di acquaragia.

Dopo aver spolverato e pulito con cura la superficie siamo pronti per procedere con la verniciatura.
Per prima cosa ci serve un pennello che deve essere di ottima qualità e con le setole morbide e compatte in modo che non si stacchino mai dal pennello durante la verniciatura. I pennelli in commercio possono essere in setola animale, da usare con gli smalti e i prodotti diluiti a solvente; in setola sintetica, adatta per gli smalti all'acqua oppure mista, particolarmente indicata per il legno.

Veniamo ora alla verniciatura vera e propria. Esistono in commercio molti prodotti specifici per il legno: dagli smalti colorati, al tradizionale flatting trasparente, agli impregnanti con le colorazioni delle varie essenze di legno. Le due grandi categorie in cui possiamo suddividerli sono: le vernici coprenti, che fanno una pellicola robusta sopra la superficie in legno e gli impregnanti, che invece vengono assorbiti dal legno senza fare nessuna pellicola superficiale. La scelta si basa fondamentalmente sul gusto personale, ferma restando un'attenta consultazione delle caratteristiche tecniche riportate sulla confezione. Soprattutto per l'esterno io preferisco usare un buon impregnate, che, non facendo pellicola non sfoglia anche se esposto agli agenti atmosfericiLa verniciatura di una porta, una finestra o di qualsiasi altro manufatto in legno è operazione semplice e divertente. Assai più noiosa, ma assolutamente necessaria, è la preparazione della superficie prima della verniciatura.

Se il legno che vogliamo verniciare è nuovo e quindi non è mai stato trattato, è sufficiente passare con della carta vetrata su tutta la superficie avendo l'accortezza di seguire sempre le venature. Se presentasse delle colature di resina, dovranno essere rimosse utilizzando uno straccio imbevuto di acquaragia.

Dopo aver spolverato e pulito con cura la superficie siamo pronti per procedere con la verniciatura.
Per prima cosa ci serve un pennello che deve essere di ottima qualità e con le setole morbide e compatte in modo che non si stacchino mai dal pennello durante la verniciatura. I pennelli in commercio possono essere in setola animale, da usare con gli smalti e i prodotti diluiti a solvente; in setola sintetica, adatta per gli smalti all'acqua oppure mista, particolarmente indicata per il legno.

Veniamo ora alla verniciatura vera e propria. Esistono in commercio molti prodotti specifici per il legno: dagli smalti colorati, al tradizionale flatting trasparente, agli impregnanti con le colorazioni delle varie essenze di legno. Le due grandi categorie in cui possiamo suddividerli sono: le vernici coprenti, che fanno una pellicola robusta sopra la superficie in legno e gli impregnanti, che invece vengono assorbiti dal legno senza fare nessuna pellicola superficiale. La scelta si basa fondamentalmente sul gusto personale, ferma restando un'attenta consultazione delle caratteristiche tecniche riportate sulla confezione. Soprattutto per l'esterno io preferisco usare un buon impregnate, che, non facendo pellicola non sfoglia anche se esposto agli agenti atmosfericiLa verniciatura di una porta, una finestra o di qualsiasi altro manufatto in legno è operazione semplice e divertente. Assai più noiosa, ma assolutamente necessaria, è la preparazione della superficie prima della verniciatura.

Se il legno che vogliamo verniciare è nuovo e quindi non è mai stato trattato, è sufficiente passare con della carta vetrata su tutta la superficie avendo l'accortezza di seguire sempre le venature. Se presentasse delle colature di resina, dovranno essere rimosse utilizzando uno straccio imbevuto di acquaragia.

Dopo aver spolverato e pulito con cura la superficie siamo pronti per procedere con la verniciatura.
Per prima cosa ci serve un pennello che deve essere di ottima qualità e con le setole morbide e compatte in modo che non si stacchino mai dal pennello durante la verniciatura. I pennelli in commercio possono essere in setola animale, da usare con gli smalti e i prodotti diluiti a solvente; in setola sintetica, adatta per gli smalti all'acqua oppure mista, particolarmente indicata per il legno.

Veniamo ora alla verniciatura vera e propria. Esistono in commercio molti prodotti specifici per il legno: dagli smalti colorati, al tradizionale flatting trasparente, agli impregnanti con le colorazioni delle varie essenze di legno. Le due grandi categorie in cui possiamo suddividerli sono: le vernici coprenti, che fanno una pellicola robusta sopra la superficie in legno e gli impregnanti, che invece vengono assorbiti dal legno senza fare nessuna pellicola superficiale. La scelta si basa fondamentalmente sul gusto personale, ferma restando un'attenta consultazione delle caratteristiche tecniche riportate sulla confezione. Soprattutto per l'esterno io preferisco usare un buon impregnate, che, non facendo pellicola non sfoglia anche se esposto agli agenti atmosferici

Forniamo anche impianti p tredizionali:

pompe pompe airless impianti verniciatura pompe elettriche pompe a membrana rulli vernici aerografi pompe verniciatura rulli verniciatura impianti pompe airless aerografi pompe a membrana

impianti verniciatura - pompe airless e pompe elettriche a membrana

aerografo, aerografi per verniciatura, cabina di verniciatura, impianto cabina verniciatura, pistola spruzzo elettrostatiche, pistola elettrostatiche, pistola verniciatura, pistola automatica verniciatura, pompa verniciatura, pompe verniciatura

Spruzzatura isolamenti a schiuma, poliurea, rivestimenti tubature e serbatoi
Finitura
Trattamenti impermeabilizzanti
Finitura monocomponente rivestimenti protettivi